Le opzioni binarie

O si vince. O si perde. Nulla di più facile.
In questa unica, doppia possibilità sta il significato delle cosiddette “Binäre Optionen” – una delle attività più in voga del momento, che ha permesso praticamente a tutti di accedere allo sconfinato mondo finanziario del trading on line, trasformando i contorni del termine investimento in qualcosa di molto più attraente. Una vera e propria scommessa.

Cosa sono le opzioni binarie?

Potremmo abbagliarvi dicendo che si tratta di sofisticati strumenti finanziari derivati, in cui il pay-off è legato all’andamento di un certo asset, osservato ad una determinata scadenza prefissata. Tutto chiaro, no?
In termini molto più pratici, le opzioni binarie sono nient’altro che una scommessa sull’andamento di un’azione, un indice, una valuta o una materia prima. Una volta deciso su cosa scommettere (il cosiddetto asset per l’appunto), si sceglie la scadenza temporale. Ossia il momento futuro (1 minuto, 5 minuti, 30 minuti, un’ora, 1 giorno, una settimana, ecc) in cui si andrà a verificare se l’asset scelto è salito oppure sceso di valore.

Principali tipologie di opzioni binarie

Osserviamo ora le tipologie più utilizzate dai traders:
– Opzioni Call /Put: sono quelle in cui per vincere la scommessa l’asset individuato dovrà essere rispettivamente salito o sceso se confrontato col valore iniziale;
– Opzioni One Touch: simili alle Call /Put con l’aggiunta della previsione se verrà toccato o meno alla scadenza un prezzo predeterminato dallo stesso broker. Ovviamente il maggior rischio di questa tipologia di opzione sarà remunerata in maniera decisamente più consistente;
– Opzioni Range: anche queste possono offrire rendimenti maggiori in quanto occorre “azzeccare” che alla scadenza temporale il prezzo dell’asset sia contenuto all’interno di un intervallo (range) di prezzo precedentemente deciso dal broker;
– Opzioni Builder: ovvero la classica opzione “personalizzata”, che si costruisce stabilendo in modo autonomo i vari parametri (asset, scadenza, livello di profitto);
– Opzioni 60 secondi: sono così chiamate perché hanno una scadenza di un solo minuto, al termine del quale si verificherà la vincita o meno della scommessa.
Scadenze delle opzioni binarie
Esistono innumerevoli tipologie di scadenza, da quella “60 secondi” già descritta, fino ad arrivare a scadenze mensili o addirittura superiori. Naturalmente, posto che nessuno possiede la famigerata “palla di vetro” in cui scrutare il futuro dei mercati, appare più difficile effettuare una previsione a 30 giorni piuttosto che a 1 minuto o a un’ora. Pertanto, anche la remunerazione sarà diversa.

Possibili guadagni

Visto che abbiamo introdotto l’argomento, parliamone.
Come accade in generale nel campo delle scommesse (basti pensare all’ambito sportivo) il possibile margine di guadagno è noto fin dall’inizio. Tali margini oscillano: generalmente tra il 70 ed il 90%, ma si può arrivare a guadagni superiori al 500% utilizzando specifiche tipologie di opzioni, come le One Touch. Allo stesso modo, tuttavia, è nota la perdita, vale a dire l’importo del proprio capitale investito. E’ bene tenerlo sempre a mente! E questo è il motivo per il quale all’inizio di questo articolo abbiamo parlato espressamente di scommessa anziché di investimento riferendoci al mondo delle opzioni binarie.
Vi sono comunque dei Broker che prevedono dei rimborsi sulle perdite, di solito intorno ad un 15% del capitale investito: in questi casi, i guadagni saranno un po’ più contenuti rispetto a quelli offerti da un Broker che non preveda tali rimborsi sulle perdite.

Le strategie

Ed eccoci giunti finalmente al punto saliente della nostra riflessione: qual è la migliore strategia da adottare per garantirsi illimitati guadagni? Difficile da dire. Quel che è certo è che l’immagine di Bradley Cooper che arriva a guadagnare milioni di dollari in pochi giorni con il cyber-trading nel film “Limitless” è, per l’appunto, pura fantasia! Meglio usare il buon senso e…ragionare. Quindi: scegliete l’asset, effettuate la previsione, individuate la scadenza e definite la tipologia di opzione più adatta al vostro ragionamento. E poi? E poi, incrociate le dita!

Certo, qualche consiglio si può seguire. Per esempio, osservare il trend dell’asset, crescente o decrescente, e ricordarsi che nel breve o brevissimo periodo qualche correzione si verificherà senz’altro, ma nel medio-lungo periodo la tendenza dovrebbe essere rispettata. Inoltre, sarà fondamentale diversificare il più possibile, senza dimenticarsi di procedere sempre per piccoli passi, scommettendo solo piccole parti del proprio portafoglio per cominciare.

Si consiglia a questo punto il 24option broker e BDSwiss come i due miglior broker in Europa .